Diamante e albero: nuove soluzioni per le ceneri

Diamante e albero: nuove soluzioni per le ceneri

Oltre alla classica urna, per conservare le ceneri del proprio animale domestico esistono oggi soluzioni alternative, come la diamantificazione delle ceneri e l’urna biodegradabile da cui seminare un albero, ma non solo.

Il diamante con le ceneri

La diamantificazione delle ceneri permette di ricavare da esse un diamante prezioso da portare sempre con sé, in ricordo dell’amico a quattro zampe. L’idea è nata nel 2009 in Svizzera, dove è ormai diventata una pratica comune, ma si sta espandendo in diversi paesi del mondo, tra i quali l’Italia, sia per le persone che per gli animali domestici.

La trasformazione funziona così: dalle ceneri viene estratto il carbonio, a sua volta trasformato in grafite attraverso acidi, presse e forme che simulano quanto accade per mano della natura ai veri diamanti nel corso dei millenni. Il risultato sono diamanti commemorativi difficilmente distinguibili da quelli naturali, in quanto presentano le medesime caratteristiche ottiche, fisiche e chimiche. I tempi e i costi variano in base alle dimensioni richieste per il “diamante della memoria”. La diamantificazione è una soluzione che permette di tenere sempre con sé un ricordo del caro estinto.

L’albero dall’urna Bios

La seconda possibilità viene dall’invenzione nel 1997, da parte del designer spagnolo Martín Azúa, della Bios Urn, un’urna biodegradabile realizzata in cellulosa e fibre naturali. L’urna è composta da una capsula superiore, che contiene semi e un substrato vegetale per facilitare il germoglio, e da una inferiore, dedicata alle ceneri. Queste ultime contengono nutrienti come fosforo e potassio che aiutano la pianta nella fase di radicamento e assorbimento dell’acqua.

La pratica da qualche anno è arrivata anche in Italia. La tipologia di seme può essere scelta in base alle caratteristiche ambientali e climatiche del terreno dove nascerà l’albero. Questa seconda soluzione rende la cremazione una pratica ancora più sostenibile dal punto di vista ambientale, in quanto non solo riduce l’impatto rispetto alla sepoltura delle spoglie ma permette anche alla natura di rinnovarsi con nuove forme di vita.

Altre soluzioni

Non solo diamanti e alberi. Oggi dalle ceneri del proprio animale domestico si possono ricavare molteplici oggetti. Ad esempio in Gran Bretagna dalla compressione delle ceneri si producono vinili che possono contenere le tracce sonore preferite.

Insomma, il mercato del caro estinto offre una gamma sempre più ampia di soluzioni alternative alla classica sepoltura, che permettono di trovare nuove forme di commemorazione e modi differenti per vivere il ricordo di chi non c’è più.

2019-07-03T20:25:50+00:00

Lascia un commento

Chat with us on WhatsApp